E’ Paolo Fiorino il miglior venditore a domicilio d’Italia

Domenica 15 ottobre ha vinto l’Oscar della Vendita 2017

Si chia­ma Pao­lo Fio­ri­no, ha 30 anni e vie­ne da Ver­te­ma­te con Mino­prio, pro­vin­cia di Como: è lui il miglior ven­di­to­re a domi­ci­lio d’Italia. Ven­di­to­re di ali­men­ti sur­ge­la­ti per Bofro­st, ha pri­meg­gia­to in un appas­sio­nan­te testa a testa con altri die­ci cam­pio­ni di que­sta pro­fes­sio­ne, nomi­na­ti da altret­tan­te azien­de di Uni­ven­di­ta, l’associazione che rap­pre­sen­ta l’eccellenza del set­to­re.

Tut­ti si sono cimen­ta­ti nel­la ven­di­ta di un pro­dot­to ugua­le per tut­ti, un pal­lo­ne da cal­cio uffi­cia­le del­la serie A; poi una giu­ria, com­po­sta da per­so­na­li­tà ester­ne al mon­do del­la ven­di­ta diret­ta, ha pro­nun­cia­to il ver­det­to: Fio­ri­no si è distin­to per pro­fes­sio­na­li­tà, tec­ni­ca e doti comu­ni­ca­ti­ve. «Pao­lo Fio­ri­no ha col­to il lato sen­si­bi­le dell’interlocutrice, iden­ti­fi­can­do e uti­liz­zan­do ele­men­ti di gran­de valo­re aggiun­to emo­zio­na­le. Ha por­ta­to a ter­mi­ne la ven­di­ta nei tem­pi defi­ni­ti sen­za effet­tua­re scon­ti e atti­van­do tec­ni­che di ven­di­ta attua­li con moda­li­tà per­sua­si­ve. Buo­na tec­ni­ca di comu­ni­ca­zio­ne che è risul­ta­ta flui­da e asser­ti­va»: que­ste le moti­va­zio­ni let­te dal pre­si­den­te di Uni­ven­di­ta Ciro Sina­tra e dal club mana­ger di ACF Fio­ren­ti­na Gian­car­lo Anto­gno­ni al momen­to del­la pre­mia­zio­ne, avve­nu­ta dome­ni­ca 15 otto­bre allo sta­dio Arte­mio Fran­chi, poco pri­ma del fischio d’inizio del­la par­ti­ta Fio­ren­ti­na-Udi­ne­se.

«È sta­ta una gran­dis­si­ma emo­zio­ne –dichia­ra Fio­ri­no–. Io sono un aman­te del cal­cio, sono tifo­so inte­ri­sta e il momen­to del­la pro­cla­ma­zio­ne nel­lo sta­dio pie­no è sta­to fan­ta­sti­co. Non mi aspet­ta­vo di vin­ce­re l’Oscar del­la Ven­di­ta: sono uno che si emo­zio­na davan­ti alle per­so­ne e, duran­te la sfi­da di ven­di­ta, pun­ta­vo a fare bel­la figu­ra, ma non imma­gi­na­vo che la giu­ria avreb­be scel­to me».

 Pao­lo Fio­ri­no,  clas­se 1987, fa par­te di Bofro­st solo da sei mesi: pri­ma ha lavo­ra­to per qua­si otto anni come ven­di­to­re in una con­ces­sio­na­ria auto­mo­bi­li­sti­ca. «Mi tro­va­vo bene –spie­ga– ma dopo tan­ti anni vole­vo cam­bia­re e met­ter­mi in discus­sio­ne. Così ho pro­va­to con un tipo di ven­di­ta diver­so, dove non devo aspet­ta­re che i clien­ti ven­ga­no da me, ma devo esse­re io a cer­car­li».

For­te dei suoi risul­ta­ti, ha rice­vu­to la nomi­na­tion da Bofro­st per par­te­ci­pa­re all’Oscar del­la Ven­di­ta 2017 e sfi­dar­si, così, con altri die­ci agguer­ri­ti fina­li­sti: Mario Barp di AMC Ita­lia, Rober­to Bat­ti­ston di Fi.Ma.Stars, Mir­ko Ber­ton­ci­ni di Vor­werk Fol­let­to, Raf­fael­la Bom­pa­ni di Car­tO­ran­ge, Maria Leti­zia Cam­po di Lux Ita­lia, Katia Mar­co­mi­ni di Vor­werk Bim­by, Con­cet­ta Par­ti­ni­co di Dal­mes­se Ita­lia, Nico­la Sel­la di Vast&Fast, Pame­la Spa­no di Avon Cosme­tics e Anna Zan­ca­glio­ne di Tup­per­ware Ita­lia.

 L’Oscar del­la Ven­di­ta chiu­de così in bel­lez­za la sua pri­ma edi­zio­ne, comin­cia­ta con un galà saba­to 14 otto­bre nel­la Vio­la Loun­ge del­lo sta­dio Arte­mio Fran­chi di Firen­ze dove la giu­ria ha valu­ta­to le pro­ve dei par­te­ci­pan­ti e decre­ta­to il vin­ci­to­re. Nel panel Sara Funa­ro, asses­so­re al wel­fa­re del Comu­ne di Firen­ze; Anna Lapi­ni, pre­si­den­te Con­f­com­mer­cio Tosca­na e com­po­nen­te del­la Giun­ta Con­fe­de­ra­le; Lau­ra Masi, busi­ness deve­lo­p­ment mana­ger ACF Fio­ren­ti­na e com­po­nen­te del CdA; Gian­car­lo Anto­gno­ni, club mana­ger ACF Fio­ren­ti­na; Luca Cala­mai, vice diret­to­re del­la Gaz­zet­ta del­lo Sport; Nic­co­lò Casal­so­li, gior­na­li­sta de La Nazio­ne.

«Abbia­mo volu­to que­sto momen­to straor­di­na­rio –spie­ga il pre­si­den­te di Uni­ven­di­ta Ciro Sina­tra– per cele­bra­re in gran­de sti­le il miglior ven­di­to­re a domi­ci­lio d’Italia, scel­to non solo per i suoi risul­ta­ti ma anche per­ché incar­na al meglio i valo­ri del nostro set­to­re: pro­fes­sio­na­li­tà nel pre­sen­ta­re i pro­dot­ti e capa­ci­tà di instau­ra­re una rela­zio­ne di fidu­cia con i clien­ti».