5 motivi per cui la vendita diretta sarà di tendenza nel 2019

L’esperienza di comprare in salotto soddisfa le richieste dei consumatori contemporanei

Fare acqui­sti per­so­na­liz­za­ti, segui­ti da un con­su­len­te esper­to, con la pos­si­bi­li­tà di pro­va­re a casa con cal­ma i pro­dot­ti e, maga­ri, con­di­vi­de­re il momen­to con ami­ci e fami­lia­ri, tra­sfor­man­do l’appuntamento di ven­di­ta in un pic­co­lo even­to. È l’essenza del­la ven­di­ta a domi­ci­lio, che si basa sul fat­to­re uma­no: ponen­do­si da que­sto pun­to di vista come l’opposto degli acqui­sti onli­ne (eppu­re, è noti­zia recen­te che pro­prio Ama­zon man­de­rà dei con­su­len­ti a casa di chi acqui­sta pro­dot­ti hi-tech), la ven­di­ta a domi­ci­lio si rive­la un model­lo apprez­za­to per­ché uni­sce la como­di­tà, requi­si­to ormai impre­scin­di­bi­le per il con­su­ma­to­re con­tem­po­ra­neo, con la sar­to­ria­li­tà dell’esperienza d’acquisto, aspet­to su cui l’e‑commerce è caren­te.

La ven­di­ta a domi­ci­lio è un model­lo vin­cen­te quan­do pro­dot­ti di alta qua­li­tà ven­go­no pre­sen­ta­ti da pro­fes­sio­ni­sti com­pe­ten­ti, capa­ci innan­zi­tut­to di ascol­ta­re, orien­ta­re e con­si­glia­re, per offri­re una custo­mer expe­rien­ce uni­ca nel suo gene­re, in linea con le aspet­ta­ti­ve del mer­ca­to.

Secon­do Uni­ven­di­ta, sono cin­que i moti­vi per cui la ven­di­ta a domi­ci­lio sarà di ten­den­za nel 2019.

1.   Acqui­sti sen­za muo­ver­si da casa – Una como­di­tà che i con­su­ma­to­ri apprez­za­no e ricer­ca­no sem­pre di più e che nel­la ven­di­ta diret­ta si rea­liz­za attra­ver­so due model­li, il por­ta a por­ta e il par­ty plan (ven­di­ta per appun­ta­men­to). In entram­bi c’è un’alta com­po­nen­te di ser­vi­zio, con il ven­di­to­re che si reca a casa del clien­te in ora­ri fles­si­bi­li, anche la sera o nel wee­kend.

2.    Pro­dot­ti da toc­ca­re con mano – Un ambi­to in cui la ven­di­ta a domi­ci­lio non teme con­fron­ti: nes­sun altro meto­do di ven­di­ta pre­ve­de la dimo­stra­zio­ne nell’ambiente dome­sti­co. Poter testa­re i pro­dot­ti in situa­zio­ni rea­li è un van­tag­gio apprez­za­to, per­ché per­met­te di esse­re sicu­ri di ciò che si acqui­sta.

3.   Con­su­len­za per­so­na­liz­za­ta e com­pe­ten­te – Chi fa acqui­sti a domi­ci­lio allac­cia un rap­por­to diret­to con un ven­di­to­re che sa dare con­si­gli giu­sti e per­so­na­liz­za­ti per ogni clien­te, ed è un rap­por­to che nel­la mag­gior par­te dei casi poi con­ti­nua nel tem­po.

4.    Con­se­gna a domi­ci­lio – È un aspet­to al qua­le i con­su­ma­to­ri sono ormai sem­pre più abi­tua­ti. Un ser­vi­zio che vie­ne apprez­za­to in par­ti­co­la­re per i pro­dot­ti ingom­bran­ti come gli elet­tro­do­me­sti­ci o per i sur­ge­la­ti, dove c’è la garan­zia del­la non inter­ru­zio­ne del­la cate­na del fred­do.

5.    Assi­sten­za post ven­di­ta pun­tua­le ed effi­ca­ce – Il clien­te si inter­fac­cia con l’azienda innan­zi­tut­to attra­ver­so il ven­di­to­re, che ha un nome e un vol­to, e non attra­ver­so lo scher­mo di un com­pu­ter, un call cen­ter o un robot, come suc­ce­de nell’e‑commerce: anche dopo la ven­di­ta, l’incaricato è sem­pre dispo­ni­bi­le per for­ni­re un sup­por­to al clien­te.