Ricerche

Giu­gno 2019

Professione venditore a domicilio: un lavoro sicuro e ricco di soddisfazioni

Fare il ven­di­to­re a domi­ci­lio come “ulti­ma spiag­gia” per­ché non si tro­va nient’altro è un’immagine fal­sa. A rive­lar­lo è il son­dag­gio con­dot­to da Uni­ven­di­ta, su 750 inca­ri­ca­ti rap­pre­sen­ta­ti­vi del­le azien­de asso­cia­te, e dal qua­le emer­ge pri­ma di tut­to che la ven­di­ta a domi­ci­lio offre un’occupazione sicu­ra.

Giu­gno 2019

Chi sono gli italiani che fanno shopping a domicilio? L’identikit tracciato in un sondaggio dell’associazione Univendita

Nel­lo shop­ping a domi­ci­lio vin­co­no il fat­to­re uma­no e il rap­por­to diret­to e di fidu­cia con il ven­di­to­re: e pro­prio da un son­dag­gio con­dot­to fra i ven­di­to­ri a domi­ci­lio (750 inca­ri­ca­ti rap­pre­sen­ta­ti­vi del­le azien­de di Uni­ven­di­ta, la mag­gio­re asso­cia­zio­ne di cate­go­ria del set­to­re) emer­go­no le carat­te­ri­sti­che dei con­su­ma­to­ri e diver­se curio­si­tà su come si svol­go­no le ven­di­te.

Mar­zo 2017

Primo censimento della vendita diretta in Italia

3,6 miliar­di è il valo­re del­la ven­di­ta diret­ta a domi­ci­lio. 265 le azien­de che la pra­ti­ca­no, 520mila gli addet­ti alla ven­di­ta. L’indagine Uni­ven­di­ta-Con­f­com­mer­cio cer­ti­fi­ca le rea­li dimen­sio­ni del set­to­re in ita­lia. Il pri­mo rap­por­to con i dati uffi­cia­li del­la ven­di­ta diret­ta nel nostro Pae­se foto­gra­fa un mon­do di impre­se dina­mi­che, in salu­te e con un’e­le­va­ta fidu­cia ver­so il futu­ro.

Gen­na­io 2015

Nella vendita diretta lavorare non stanca

Con­dot­ta dai ricer­ca­to­ri del Dipar­ti­men­to di Scien­ze socia­li ed eco­no­mi­che dell’Università Roma Sapien­za, l’indagine di Unie­vn­di­ta dal tito­lo “Nel­la ven­di­ta diret­ta lavo­ra­re non stan­ca” appro­fon­di­sce le ten­den­ze e indi­vi­dua le pro­spet­ti­ve del­la ven­di­ta diret­ta a domi­ci­lio, “un lavo­ro che non stan­ca per­ché que­sti pro­fes­sio­ni­sti sono dota­ti di una spin­ta moti­va­zio­na­le che ne esal­ta l’impegno e la voglia di fare, met­ten­do sul­lo sfon­do i pro­ble­mi che potreb­be­ro con­di­zio­nar­ne l’intensità”.

Gen­na­io 2013

Vita di un commesso viaggiatore: una professione stabile nell’economia del precariato

Un’in­da­gi­ne con­dot­ta da Uni­ven­di­ta fra gli inca­ri­ca­ti del­le azien­de asso­cia­te trac­cia il pro­fi­lo dei ven­di­to­ri a domi­ci­lio. Ne emer­ge una pro­fes­sio­ne di faci­le acces­so, che garan­ti­sce sicu­rez­za, che è frut­to di una scel­ta pre­ci­sa, che si sta dimo­stran­do anti­ci­cli­ca in anni di cri­si e con un alto livel­lo di sod­di­sfa­zio­ne.