Bofrost trasloca in una nuova sede in provincia di Arezzo

Per i surgelati a domicilio prevista una crescita del 4% sul territorio

 Bofro­st, la più impor­tan­te real­tà ita­lia­na del­la ven­di­ta a domi­ci­lio di sur­ge­la­ti, con­ti­nua a cre­sce­re nel ter­ri­to­rio di Arez­zo e tra­slo­ca in una filia­le di nuo­va costru­zio­ne, più fun­zio­na­le e spa­zio­sa, pron­ta a soste­ne­re i pia­ni di espan­sio­ne dell’azienda e a ospi­ta­re nuo­vo per­so­na­le.

Bofro­st ha infat­ti lascia­to la pre­ce­den­te sede di Arez­zo per spo­star­si a Civi­tel­la Val di Chia­na: qui il 7 novem­bre è sta­ta uffi­cial­men­te inau­gu­ra­ta la nuo­va filia­le che ser­ve 14mila fami­glie del ter­ri­to­rio e dove lavo­ra­no attual­men­te 42 per­so­ne fra addet­ti alla ven­di­ta (alla gui­da di altret­tan­ti mez­zi), pro­mo­ter, magaz­zi­nie­ri e per­so­na­le ammi­ni­stra­ti­vo e diret­ti­vo.

«Su Arez­zo negli ulti­mi anni abbia­mo avu­to una for­te espan­sio­ne – com­men­ta l’amministratore dele­ga­to di Bofro­st Ita­lia Gian­lu­ca Teso­lin –. La clien­te­la loca­le è in cre­sci­ta e così il fat­tu­ra­to, che pre­ve­dia­mo rag­giun­ga a fine anno i 5,7 milio­ni di euro, +4% rispet­to all’anno pre­ce­den­te. Per meglio ser­vi­re la clien­te­la loca­le abbia­mo quin­di scel­to di costrui­re a Civi­tel­la Val di Chia­na una nuo­va sede, più effi­cien­te e meglio orga­niz­za­ta dal pun­to di vista logi­sti­co, non­ché eco­so­ste­ni­bi­le, per­ché ali­men­ta­ta da un impian­to foto­vol­tai­co».


Cre­scen­do Bofro­st crea anche occu­pa­zio­ne.
 La filia­le di Arez­zo pre­ve­de di inse­ri­re nel giro di un anno fino a 7 nuo­ve per­so­ne fra ven­di­to­ri (che si occu­pa­no del­la ven­di­ta dei pro­dot­ti Bofro­st al domi­ci­lio di clien­ti fide­liz­za­ti) e pro­mo­ter (che si occu­pa­no del­la pro­mo­zio­ne del ser­vi­zio e del pro­dot­to pres­so poten­zia­li clien­ti).