"Storie di vendita vissuta" raccoglie le testimonianze di chi ha scelto una professione che va oltre gli stereotipi.
 Sono tante le strade che portano alla vendita diretta a domicilio: c’è Gabriella, sorda dalla nascita, che tiene party dedicati a clienti affetti dalla medesima disfunzione; c’è Tomorr, che è arrivato dall’Albania in gommone, è diventato il primo venditore in Italia di aspirapolvere e ha comperato casa; c’è Enza, casalinga che ha dovuto rimboccarsi le maniche perché il marito aveva perso il lavoro e adesso mantiene la famiglia; c’è Luca che, da amministratore dell’azienda di famiglia colpita dalla crisi, si è reinventato brillante “ambasciatore dell’alimentazione”. Sono alcune delle vicende raccontate in Storie di vendita vissuta, un libro che raccoglie le testimonianze di una quarantina di venditori delle aziende associate Univendita (Unione italiana vendita diretta) e che evidenzia il legame forte fra la professione della vendita diretta a domicilio e la persona che la esercita. Ogni venditore è perfettamente consapevole che in questo lavoro vige la meritocrazia e che i risultati sono commisurati al tempo e all’impegno che vi dedica: il coinvolgimento diventa quindi un fattore determinante per il successo professionale. Le storie presentate nel libro vogliono far conoscere attraverso la viva voce dei protagonisti un’attività che, negli anni della crisi, è stata anticiclica e ha rappresentato per un numero crescente di persone un lavoro a tempo pieno o una soluzione part time flessibile, quindi particolarmente apprezzata dalle donne chiamate a conciliare le esigenze della famiglia con la necessità di arrotondare il bilancio domestico.

In anni di contrazione di consumi e di forte crisi per i canali tradizionali del commercio, la vendita diretta a domicilio ha rappresentato un’eccezione alla regola e l’unica vera spiegazione di questo successo sono le persone. La vendita diretta è il più antico modello di vendita al mondo: se è vero che, di concerto con le dinamiche del mercato, si sono rinnovati continuamente strumenti e aspetti accessori dell’attività, la sua essenza più profonda, quella rappresentata dal fattore umano, è immutata. Sono i venditori stessi, con la loro motivazione, la loro professionalità e le loro capacità relazionali la ragione di questa controtendenza che ha portato ad una crescita media del 5% annuo delle aziende associate Univendita negli ultimi sei anni.


Ad accomunare le storie il punto di partenza: nessuno dei venditori avrebbe mai pensato alla vendita diretta a domicilio come a una possibilità di lavoro prima di intraprenderlo.
Una posizione che nasceva, in molti casi, dalla mancanza di informazioni su quest’attività o da un’opinione gravata da stereotipi che, alla prova dei fatti, si sono rivelati infondati. Il libro, proprio in quest’ottica, presenta storie esemplificative; non soltanto i campioni della vendita, ma chi svolge con successo un’attività che gli ha dato sicurezza aiutandolo a sbloccarsi nei rapporti con gli altri; chi non trovava il posto fisso e, fra le critiche della famiglia, si è lanciato in un’esperienza nuova che ha finito per convincere anche i più scettici; chi, provata la vendita diretta dopo un’esperienza in ufficio, non ha più voluto tornare dietro una scrivania.


Nella trasformazione profonda che stanno conoscendo i concetti di lavoro e di posto di lavoro, la professione del venditore rappresenta un investimento su se stessi, su risorse che spesso si ignora di possedere. Se è vero che il posto fisso continua a essere un’aspirazione della maggioranza degli italiani è innegabile che oggi, per tante ragioni, si siano fatti strada anche altri modelli di lavoro. La vendita diretta, nello specifico, ribalta paradigmi consolidati delle occupazioni tradizionali, primo fra tutti: è il lavoro che dipende da me, e non il contrario.